Sottorete Shop
Oggi è


     
Tecnica
SHOP
Galleria Foto
Risultati
Classifiche
Calendari
Siti Amici
Links
new Inserisci Comunicati new
Aggiungi un sito
Lo Staff
Collabora con noi
Registrati
Contatti










La grande Italia di Julio Velasco

 

La pallavolo è sicuramente uno sport che ha fatto tanti proseliti in Italia e tra i più praticati, soprattutto se consideriamo che in ogni scuola vi è un campo con una rete per praticarla. E nell’immaginario collettivo nostrano è molto forte il legame tra i tifosi e le squadre in rappresentanza della loro città. In realtà, però, se c’è stato un momento in cui gli italiani si sono avvicinati molto a questo sport è stato all’inizio degli anni ‘90, quando fu la nazionale italiana a stupire tutti per il suo grande rendimento e spettacolo in una serie di competizioni internazionali sotto la guida del commissario tecnico argentino Julio Velasco, che portò nel 1990 gli azzurri a vincere la prima medaglia d’oro ai mondiali del Brasile. Quella che fu per molti una generazione di fenomeni senza eguali nella storia del volley italiano, come poi finalmente è stato fino ad ora, con quel trionfo aprì la strada a una serie di vittorie che infiammarono non poco lo spirito degli italiani, che si allontanarono dal calcio per appassionarsi alla pallavolo.

L’Italia, che oggi secondo le quote dei siti come bet365 risulta comunque sempre tra le favorite nelle competizioni internazionali, era invece a quell’epoca la principale candidata alla vittoria in molti tornei, dalla World League alle Olimpiadi. Con Velasco in panchina e una serie di grandissimi atleti a disposizione, tra i quali spiccavano Lorenzo Bernardi, Andrea Giani, Paolo Tofoli e Simone Papi, l’Italia vinse quasi tutto quello che c’era da vincere, con l’unica delusione rappresentata dall’argento alle Olimpiadi del 96. In quell’occasione gli uomini di Velasco non riuscirono ad avere ragione dell’Olanda. Quella maledizione si sarebbe poi protratta fino ai giorni d’oggi come testimonia l’argento delle Olimpiadi di Rio 2016, quando gli azzurri si sono inchinati al Brasile padrone di casa e forse la miglior nazionale degli ultimi 10 anni per quanto riguarda il volley mondiale. E nella generazione attuale c’è sicuramente il fuoco e la voglia di quella di vent’anni prima, anche se forse il materiale umano a disposizione non è esattamente lo stesso. Velasco, infatti, poteva contare su una serie di ricambi di lusso, come ad esempio Fefè de Giorgi in regia, Andrea Zorzi come opposto e tanti altri.

La rivoluzione effettuata dal tecnico argentino, che insieme a Cesar Luis Menotti, ex allenatore dell’Argentina di calcio, è considerato come uno dei più importanti luminari dello sport del paese sudamericano, fu di grande importanza per lo sviluppo della pallavolo in Italia. Colui che nel 1991 fu insignito della nazionalità italiana trascinò gli azzurri alla vittoria di 5 World League, 2 mondiali, 3 europei e 1 coppa del mondo, infondendo nei giocatori e nell’ambiente una mentalità vincente fuori dal comune.

Per uno strano scherzo del destino, però, il prossimo mondiale che avrà luogo l’anno venturo tra Italia e Bulgaria vede nel girone degli azzurri proprio l’Argentina di Julio Velasco. Uno stupendo rendez-vous dal sapore romantico e nostalgico sia per i tifosi azzurri sia per il tecnico argentino, che mai dimenticherà i suoi trionfi con l’Italia.




.:: Area Riservata ::.
Nome utente

Password

Ingresso Automatico
.:: News dai campionati ::.
  Serie A1    
Serie A2
Serie B1
Serie B2
Serie C
Serie D
Altre Categorie



.:: Un occhio su ::.



Imposta come pagina iniziale - aggiungi ai preferiti - Segnala un sito